Le fonti coreografiche del primo Settecento italiano. 'Segni' di un'arte meccanica o codice per interpretare le passioni?