Prof.ssa Elisa Guzzo Vaccarino

Critico e storico della danza


  • Area di pertinenza

    Critico e storico di danza

  • Ruolo nell'Associazione

    Non Socio

    • Elisa Guzzo Vaccarino, laureata in Filosofia, pubblicista, critico dal 1984 del quotidiano Il Giorno, La Nazione, Il Resto del Carlino, collaboratrice di Ballett International/Tanz Aktuell, Balletto Oggi /Ballet 2000 , Il Giornale della Musica, TheClassic Voice, ha insegnato Storia della Danza alla Scuola di Ballo della Scala di Milano, ha tenuto seminari presso i DAMS di Torino e di Bologna, La Sapienza di Roma, l'Università di Trento, e lezioni ai Master di Spettacolo organizzati dalle Università di Genova, Firenze/Prato e Cattolica di Milano. Dal 2004-2005 ha tenuto un laboratorio di critica della danza per la Laurea Specialistica in Discipline Teatrali all’Università di Bologna.

      E’ direttrice artistica della sezione danza contemporanea del MAS di Milano.

      Ha scritto saggi per cataloghi di mostre: Leger a Palazzo Magnani di Reggio Emilia e Le Stanze dell’Arte al MART di Trento e Rovereto.

      Autrice di Altre scene, altre danze (Einaudi), La Musa dello schermo freddo, videodanza, computer e robot (Costa & Nolan), L'Italia in ballo, con Vittoria Doglio, e La generazione danzante, con Silvia Carandini, (Di Giacomo), ha curato il convegno Pina Bausch, teatro dell'esperienza, danza della vita/Pina Bausch, parlez-moi d'amour; un colloque (Costa & Nolan/L'Arche), rieditato nel 2005, e le mostre Giannina Censi, danzare il Futurismo (Electa), Automi, Marionette, Ballerine nel Teatro d’Avanguardia (Skira) e La Danza delle Avanguardie (Skira, 2006) per il MART, Museo d'Arte Moderna di Trento e Rovereto, dove è responsabile della mediateca del CID, Centro Internazionale della Danza, e delle relative pubblicazioni dedicate ai rapporti tra le avanguardie pittorico-plastiche e gli innovatori della danza nel '900, tra cui Documenti I, La danza moderna, I fondatori, Documenti II, Il corpo come arte e come lotta, Danze di luce, dedicato a Loie Fuller, Enrico Prampolini e Saburo Teshigawara, edizioni Skira. Ha, inoltre, pubblicato per Costa & Nolan, nella collana I protagonisti, Maurice Béjart, l'ossessione della danza e per le edizioni L’Epos, nella collana Danza d’Autore, Jiri Kylian e Petrouchka e Schiaccianoci nella collana per i ragazzi. Ha curato i cataloghi e programmi di sala su danza e balletto per il Teatro Regio di Torino, tra cui le monografie sui Tre balletti di Ciakovsky, su Merce Cunningham e su Baryshnikov. Per quattro anni ha programmato danza e balletto per Tele+3; è stata consulente e autrice per la danza della rete culturale satellitare digitale RaiSat Show ed è critico di balletto e teatro musicale per Radio Tre Rai. Dal 2003 è consulente per la danza della Biennale di Venezia, dove cura tra l’altro saggi, pubblicazioni e convegni.

      Negli ultimi anni ha pubblicato Danze plurali: l'altrove qui, sulla fusione di più culture autentiche, per Icosaedro Edizioni Ephemeria, Macerata 2009 (su questo tema ha anche tenuto un intervento al Convegno sull’Orientalismo dell’Associazione Malatesta, pubblicato nel 2005) e, di recente, Il tango (Epos, Palermo 2010).

      Dal 2007 è direttrice artistica della scuola per danzatori contemporanei MAS PM Dance Lab di Milano.

© 2019 Associazione Sigismondo Malatesta. All Rights Reserved.