Prof.ssa Adriana Guarnieri Corazzol

Università Ca' Foscari Venezia


  • Area di pertinenza

    Storia della musica

  • Ruolo nell'Associazione

    Comitato scientifico

    • Insegna Storia della musica, Storia dell’opera e Critica musicale nell’Università Ca’ Foscari di Venezia, dove afferisce al Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali ed è presidente dei corsi di laurea in Tecniche artistiche e dello spettacolo e in Musicologia e Scienze dello spettacolo. È membro del comitato dei consulenti del «Saggiatore musicale» e del comitato scientifico del Centro Studi «Giacomo Puccini», dell’Associazione Sigismondo Malatesta, dell’Archivio Gabriele d’Annunzio, di «CIS – California Italian Studies» e di «Venezia Arti». È presidente del collegio dei sindaci dell’ADUIM (Associazione Docenti Universitari Italiani di musica).
      Collabora o ha collaborato con le Università «François-Rabelais» di Tours (équipe de recherche « Lieux et enjeux des modernités musicales », poi « Recherches transversales en musicologie »), Paris4-Sorbonne («OMF-Observatoire Musical Français») e Paris8-Saint Denis di Parigi, «Charles-de-Gaulle» di Lille, «Jean Monnet» di Saint-Étienne, Nantes (CRINI-Centre de Recherches sur les Identités Nationales et l’Interculturalité) e Lovanio (UCL). È stata professore ospite nelle Università di Parigi (Paris 4-Sorbonne) e di Tours (Université «François Rabelais») e nel Department of Italian Studies dell’Università di California a Berkeley.
      Le sue ricerche rientrano nell’ambito della storia della musica del XIX e XX secolo in Italia e in Francia. Dopo un periodo di studi rivolti alle avanguardie storiche, ha orientato i propri interessi verso i rapporti di musica e letteratura: letteratura nella musica (storia dell’opera, storia del libretto, romanza e lirica da camera), letteratura sulla musica (critica musicale) e musica nella letteratura (poesia e romanzo), privilegiando negli ultimi anni i temi antropologici.
      Ha pubblicato i volumi Erik Satie tra ricerca e provocazione, Venezia, Marsilio, 1979; Tristano, mio Tristano. Gli scrittori italiani e il caso Wagner, Bologna, Il Mulino, 1988; Sensualità senza carne. La musica nella vita e nell’opera di d’Annunzio, ivi, 1990; Musica e letteratura in Italia tra Ottocento e Novecento, Milano, RCS-Sansoni, 2000. Ha curato gli atti del convegno Opéra italien & dramaturgie (2007, con Danièle Pistone) e D’Annunzio musico imaginifico (2008, con Fiamma Nicolodi e Cesare Orselli). Ha pubblicato inoltre numerosi saggi in riviste, volumi o atti di convegno, tra cui Opera and verismo: Regressive points of view and the artifice of alienation; Fantasmi, allucinazioni e seduttrici soprannaturali nell'opera italiana del secondo Ottocento; Percezione di qualità formali nell’opera del tempo di Puccini e teoria della Gestalt; Todos los autores de Tosca; Évolution textuelle du livret dans l’opéra italien de Boito à D’Annunzio; Libretti da leggere e libretti da ascoltare. Didascalia scenica e parola cantata nell’opera italiana tra Otto e Novecento; «Quasi guitarra»: il folklore inventato di Debussy; Nazionalismo e cosmopolitismo nella produzione matura di Antonio Smareglia; Modèle vocal et paratexte verbal dans l’oeuvre pour piano de Debussy, Satie, Ravel; Psicologia del pianto e opera italiana postunitaria; Oriente prossimo e remoto nella musica francese fin-de-siècle; Caratteri, stili cognitivi e insegnamento della musica; Livret et poème sur la scène lyrique au début du XXe siècle; Uccidere il peccato: morti esotiche nell’opera francese fin-de-siècle; Poeta e compositore nella produzione lirica italiana del primo Novecento: una proposta di tipologia dei ruoli; Dramaturgie des larmes dans l’opéra italien fin-de-siècle; Tradition et modernité dans le livret italien de l’entre-deux-guerres; La cultura musicale di Eleonora Duse; Un Illica “politico”: Andrea Chénier e Germania.

© 2017 Associazione Sigismondo Malatesta. All Rights Reserved.