home
 http://www.milonic.com 


Iscrizione alla Newsletter


News
Attività dei Soci - Seminario per Francesco Orlando 2016   vai >>

Novità volumi malatestiani - minibook S. Orgel L'illusione del potere. Il masque nel Rinascimento inglese   vai >>

Novità volumi malatestiani - La scena erotica nel romanzo   vai >>

le altre News > > 
Questo è il sito dell'Associazione Sigismondo Malatesta, un'istituzione culturale privata che dal 1988 promuove e realizza, in diverse città italiane, iniziative nei seguenti ambiti: letteratura, teatro, cinema, economia, scienze storiche e sociali.

  In agenda

30 Settembre - 1 Ottobre 2016

Il senso della fine nella letteratura contemporanea
Letteratura - Laboratorio 
Rocca Malatestiana – Santarcangelo di Romagna. dettagli >>

Archivio Eventi > > 


  Spazio Sig.Ma

Il pensiero e le emozioni. La rappresentazione del sogno nella letteratura  

  XXVIII  Colloquio Malatestiano

Letteratura

 

 

Il pensiero e le emozioni

La rappresentazione del sogno nella letteratura

 

Rocca Malatestiana

27-28 maggio 2016

Santarcangelo di Romagna - Rimini

(informazioni e programma qui)

 

 

Scheda di presentazione

 

“Ogni epoca del pensiero umano potrebbe definirsi in maniera sufficientemente profonda,

grazie alle relazioni che stabilisce con il sogno e con la veglia”

(Albert Béguin, L’âme romantique et le rêve , 1937).

 

“We are such stuff / As dreams are made on, and our little life/ Is rounded with a  sleep”

(Noi siamo della stessa materia/ di cui sono fatti i sogni, e la nostra piccola vita/ è circondata dal sonno.          

 (W. Shakespeare, The Tempest, 4,1)

 

 

Il sogno ha sin dall’antichità avuto un posto d’onore anche nelle opere letterarie.

Per lo più nell’epoca classica rivelava verità nascoste o annunziava avvenimenti che inesorabilmente si verificavano.  Era spesso un sogno chiaro, poco ambiguo, subìto più che prodotto dal sognatore (visioni, apparizioni, premonizioni, annunciazioni, come nel Somnium Scipionis di Cicerone) che si attualizzava nel succedersi degli eventi narrati; altre volte il sogno nella tradizione antica e anche medievale e rinascimentale poteva presentarsi come narrazione allegorica (Roman de la Rose), o esoterica enunciazione di materiali oscuri e sapienziali (Hypnerotomachia Poliphili).

 Ancora prima di arrivare all’Ottocento, vi sono testi in cui la veglia e il sogno si alternano come opposizione di razionalità e di fantasia (v. William Shakespeare, A Midsummer Night’s Dream o Calderón de la Barca, La vida es sueño). O testi nei quali il sogno è luogo visionario di apparizioni come in Richard  III o nel Paradise Lost di Milton. Fragilità del sogno, che è fatto di una sostanza aerea come in Shakespeare, o spazio potenzialmente infinito, che sfigura quello della realtà, ma che può annullarla o amplificarla per raggiungere profondità o espansioni impossibili alla percezione lucida della veglia.

Il titolo di questo Colloquio mette a fuoco proprio questa bimodalità del discorso e della rappresentazione umana che implica l'impossibilità di scindere il pensiero dalle emozioni. Questo apparente ossimoro assume un valore ancor più determinante nella composizione di ogni testo letterario o artistico: la compresenza nella figuralità dell’opera di una logica della razionalità e di una logica multidimensionale delle emozioni può trovare, o anche non trovare, nella rappresentazione del sogno un terreno privilegiato.

Ed è forse proprio a partire dal Romanticismo, dallo stile soggettivo, che il sogno diventerà  molto più decisamente un topos dedicato alla rappresentazione “oscura” di esperienze di realtà interiorizzate, individuali, di nuovi scenari dell’anima e anche di proiezioni visionarie  e metafisiche.

Così il sogno può diventare oggetto di decodifica e di interpretazione, oppure status affrancato dai limiti della natura, liberato da nessi logici e morali, spazio privilegiato per rappresentare fantasie, illusioni, inganni, abbagli, miraggi, allucinazioni, travisamenti, deliri. È un luogo che consente di connettere il presente con il passato e il futuro, e di evocare e rivivere, inconsapevolmente, immagini ed esperienze "perdute" (senso panico in Keats, ispirazione poetica in Coleridge o in Nerval,  fino alla Recherche di  Proust e al sogno simbolista etc.).

Il Novecento, con la svolta freudiana, assumerà in modo più mirato e talvolta programmatico, come nel caso delle avanguardie e in particolare dei surrealisti, il linguaggio onirico e il potere immaginifico del sogno come tratto pertinente delle nuove poetiche e dello statuto della  finzione.

Il Colloquio discuterà in questa prospettiva il tema del sogno nelle letterature europee, ma so­prattutto guarderà, in questo spazio “altro”, alle figure dell’immaginario che lo hanno abitato e alle diverse forme che il linguaggio onirico ha assunto nella rappre­sentazione letteraria a partire dall'età barocca fino al Novecento e ai nostri giorni.

 

Paolo Amalfitano

Francesco Fiorentino

Alessandra Ginzburg

 


segue >>
Archivio Spazio Sig.Ma > > 


  English Version.